L'importanza delle Storie su Instagram e Facebook

Integrare le Stories nelle tue strategie su Instagram e Facebook è diventato indispensabile.
Un trend talmente importante che anche Zuckerberg ha dichiarato sorpreso: "Sembra che le Stories siano un mezzo più grande di quanto il news feed sia mai stato"

Era gennaio 2018 quando sul blog ufficiale di Facebook, veniva condivisa questa affermazione:

"Poiché lo spazio nel news feed è limitato, mostrare più post di amici e familiari e aggiornamenti che suscitano conversazioni significherà mostrare meno contenuti pubblici, inclusi video e altri post di editori o aziende".

Facebook è nato per far condividere momenti tra amici, parenti e conoscenti della propria rete. Iniziava invece a perdere la sua natura, a ricevere messaggi di malcontento dalla community, sopraffatta da messaggi di brand, fake news e altro ancora che poco aveva a che fare con le origini del social. Mentre il news feed soffriva, un nuovo formato stava nascendo: le Stories.

Se Snapchat ha debuttato con le Stories nel 2013, la risposta armata di Instagram è arrivata nel 2016, portando questo format alla ribalta, anche dove il social pioniere non era riuscito ad arrivare. Sole nel 2017 anche Facebook le ha adottate.

Un segnale che le Stories stavano acquisendo sempre più importanza è arrivato dopo l’importante conferenza F8, che si tiene annualmente da Facebook.

Cox, Chief product officer di Facebook, ha sottolineato: "Il formato Stories sta per superare i feed come modo principale in cui le persone condividono esperienze e momenti con i loro amici". E Zuckerberg recentemente ha aggiunto: "Sembra che le storie siano un mezzo più grande di quanto il news feed sia mai stato".

Solo su Instagram sono 500 milioni di utenti attivi giornalmente nel mondo (Statista) stando a dati di gennaio 2019. Era gennaio 2018 quando sul blog ufficiale di Facebook, veniva condivisa questa affermazione:

"Poiché lo spazio nel news feed è limitato, mostrare più post di amici e familiari e aggiornamenti che suscitano conversazioni significherà mostrare meno contenuti pubblici, inclusi video e altri post di editori o aziende".

Facebook è nato per far condividere momenti tra amici, parenti e conoscenti della propria rete. Iniziava invece a perdere la sua natura, a ricevere messaggi di malcontento dalla community, sopraffatta da messaggi di brand, fake news e altro ancora che poco aveva a che fare con le origini del social. Mentre il news feed soffriva, un nuovo formato stava nascendo: le Stories. Se Snapchat ha debuttato con le Stories nel 2013, la risposta armata di Instagram è arrivata nel 2016, portando questo format alla ribalta, anche dove il social pioniere non era riuscito ad arrivare. 

Continua  a leggere su Ninja Marketing >