Tik Tok è davvero pericolosa?

cover

È stato il caso social a cui abbiamo assistito nelle ultime settimane. Donald Trump, il Presidente degli Stati Uniti d’America, ha deciso di bloccare una delle app cinesi più diffusa in America (100 milioni di americani che la utilizzano): Tik Tok. Ad oggi però sembrano esserci delle novità e Cina - America sembrerebbero aver raggiunto un compromesso.

Di cosa stiamo parlando? Facciamo un passo indietro ed iniziamo a raccontare l’intera vicenda dall’inizio.

Durante le prime settimane di Agosto Donald Trump ha deciso di vietare l’utilizzo dell’app Tik Tok negli Stati Uniti per “salvaguardare la sicurezza nazionale”. La Cina, infatti, è stata accusata di “utilizzare quest’app per minacciare la sicurezza nazionale, la politica estera e l’economia americana” (fonte Corriere della Sera - L’Economia).

La “scadenza” era stata prevista per il 21 Settembre, a partire da quel momento infatti, l’app sarebbe dovuta sparire dagli store Apple e Google.

Chi aveva già scaricato l’app avrebbe potuto continuare ad utilizzarla ma senza ricevere aggiornamenti. Gli altri invece, che non avevano mai fatto il download avrebbero dovuto rinunciarvi.

Cosa è cambiato nel frattempo?

Stati Uniti e Cina sembrerebbero aver raggiunto un nuovo accordo che prevede la creazione della nuova “Tik Tok Global”, della quale Oracle si occuperà del 12,5% e Walmart il 7.5%. Cosa significa esattamente? I dati sensibili non saranno più di proprietà e non saranno più gestiti dalla Cina ma da Oracle che ne garantirà la gestione e conservazione negli USA, evitando che vadano in Cina.

Oracle dunque diventerà il "fornitore di tecnologia affidabile, responsabile di tutti i dati degli utenti statunitensi e della protezione dei sistemi informatici associati per garantire che i requisiti di sicurezza nazionale degli Stati Uniti siano pienamente soddisfatti" (fonte La Repubblica).

Cosa sappiamo sul pericolo TikTok?

Donald Trump ha da sempre accusato la società cinese creatrice dell’applicazione di aver realizzato un sistema pericoloso per la sicurezza nazionale americana. Ma più volte quest’ultima ha risposto di non aver mai fornito informazioni sensibili dei milioni di utenti che ogni giorno utilizzano l’applicazione in tutto il mondo.

Noi di Studio Graffiti non abbiamo la risposta a questa domanda perchè non sappiamo chi tra i due, America - Cina, abbia ragione.

gestione social network

Quello che ci teniamo a dire però riguarda la gestione dei social. Più volte nel nostro blog, ecco qui il link se vuoi leggere i nostri articoli, abbiamo parlato dell’importanza dei social network per le aziende, di quanto sia fondamentale un corretto utilizzo di questi strumenti e di avere una strategia ben pianificata.

Cosa condividere? Con quale frequenza va pubblicato un post? Come bisogna comportarsi con i follower?

Queste sono solo alcune delle domande che un team di una web agency si pone prima di individuare la corretta strategia.

La gestione dei social network va gestita nel miglior modo corretto affinché ogni azienda che decide di utilizzare questi strumenti ne tragga il giusto beneficio.

Condividilo su: